IL DOCUMENTARIO SU AVICII SCONVOLGE I FAN RIVELANDO COM’ERA IL DJ NEI SUOI ULTIMI GIORNI

Il documentario “Avicii: I’m Tim”, presentato in anteprima al Tribeca Film Festival di New York, mostra come stavano i suoi ultimi giorni il DJ svedese, morto nel 2018.

+ La polizia riceve segnalazione di ‘uomo con coltello’ e trova fan di Harry Potter con una bacchetta

Il nuovo documentario su Avicii è stato presentato in anteprima al Tribeca Film Festival di New York e ripercorre la storia della vita del DJ, dalla sua ascesa alla celebrità fino alla sua tragica morte. Diretto da Henrik Burman, “Avicii: I’m Tim”, esplora l’infanzia dell’artista e gli eventi che lo hanno portato al suicidio, nel 2018, all’età di 28 anni.

“Prima di Avicii c’era solo Tim”, recita la sinossi del film. “Per la prima volta, attraverso le sue stesse parole, assisti al viaggio di un talento musicale timido ma prodigioso che sarebbe presto diventato uno degli artisti più importanti della sua generazione”.

Il documentario presenta filmati dietro le quinte, offre scorci del suo processo creativo e presenta le apparizioni di alcuni dei più famosi collaboratori di Avicii, tra cui Nile Rogers e Chris Martin dei Coldplay. La famiglia e gli amici riflettono anche su come diventare così famoso prima dei 20 anni abbia avuto un impatto sulla sua salute mentale.

Le interviste con il DJ rivelano anche la sua lotta con l’alcol, che lo ha aiutato a superare la timidezza durante le esibizioni: ‘Ho notato quanto diventavo rigido quando non bevevo, così ho scoperto la magica cura di bere qualche drink prima di iniziare, per rilassarmi .’ Parte del programma mostra Avicii che dice che si stava “uccidendo” con il suo incessante programma di tournée. Ha eseguito più di 800 spettacoli in soli sei anni.

I danni causati dal bere alla salute di Avicii lo hanno portato in ospedale nel gennaio 2012, il DJ soffriva di pancreatite, una condizione causata dal consumo eccessivo di alcol. All’epoca, i medici gli dissero di rimanere sobrio per sei mesi altrimenti il ​​suo stomaco non sarebbe guarito. Scrivendo nei suoi diari, Avicii ha detto di aver avuto “difficoltà ad accettare di non bere mai più” e ammette di aver scelto di ascoltare solo i medici che gli dicevano di bere con moderazione.

“Ero molto più felice prima di diventare famoso che dopo esserlo. Cominciavo a sentirmi molto infelice, disse; “Ero in modalità pilota automatico. Ho iniziato a chiedermi perché mi sentissi così”.

Il documentario mostra anche il suo amico Jesse Waits, socio amministratore del nightclub XS di Las Vegas, mentre parla di come stava Avicii prima della sua morte. “Mi sono reso conto che stava prendendo antidolorifici. Sono cresciuto in una famiglia che faceva uso di droghe e ho visto che quando le persone assumevano oppiacei, i loro occhi cambiavano”.

“I suoi occhi erano spalancati come quelli di uno zombie, ma non era lì, la parte nera dei suoi occhi sembrava ‘spilli’. Questo ha cambiato tutto, queste pillole cambiano il modo in cui ti comporti e il modo in cui ti senti. dice Aspetta. “Per lui, era per sopprimere l’ansia, ma creava solo più ansia.” Per il suo amico, Avicii “si è perso” nel mezzo del suo successo.

Nelle parti più toccanti del film, il DJ descrive dettagliatamente le sue difficoltà e afferma di essere sempre “molto ansioso”. “Potrei sentirlo fisicamente.” “Era come una roccia nello stomaco ed era costante, un’emozione costante.”

Avicii ha cercato aiuto, ma secondo lui niente ha funzionato e la sua frustrazione per tutto non ha fatto altro che aumentare: “Sono io che cerco di essere qualcosa che non sono. Il sogno sarebbe quello di sentirmi completamente a mio agio con quello che già ho e non aspirare a fare un miliardo di altre cose, non lavorare costantemente… allora sarò felice. Voglio liberarmi dalle idee di vivere la vita. Mi ha impedito di vivere una vita… quella sarebbe stata la vita per me, accontentarmi”.

Avicii è stato trovato morto nella città di Muscat, in Oman, dopo essersi tagliato con una bottiglia di vino rotta. Nella dichiarazione rilasciata dalla sua famiglia dopo la sua morte, si dice che “lottava con pensieri sul significato della vita e sulla felicità”. “Tim non era tagliato per il macchinario in cui è finito, era un ragazzo sensibile che amava i suoi fan ma evitava i riflettori.”

Questo contenuto è stato creato con l’aiuto dell’intelligenza artificiale.

2024-06-12T18:26:30Z dg43tfdfdgfd